Bilancio UE post 2020: incrementate le risorse per l'azione esterna

Federica Mogherini su bliancio UE azione esterna - © European Union , 2018   /   Photo: Georges BoulougourisPrevisti per il prossimo budget a lungo termine 123 miliardi di euro per l'azione esterna dell’UE. Bruxelles prevede una semplificazione della struttura di bilancio e maggiore flessibilità per affrontare le sfide mondiali.

La proposta della Commissione per il bilancio UE 2021-2027

La Commissione europea ha presentato la proposta sul bilancio post 2020 per l’azione esterna. Lo stanziamento previsto per il settennato 2021-2027, pari a circa 123 miliardi di euro, servirà all’UE principalmente per:

  • sostenere i Paesi partner nella loro trasformazione politica ed economica verso uno sviluppo sostenibile, la stabilità, la democrazia e nella lotta alla povertà,
  • aiutare i Paesi del vicinato nell’avvicinamento economico al mercato unico UE,
  • fornire assistenza in tutto il mondo in caso di emergenze umanitarie.

Le priorità della proposta di Bruxelles

Ecco nel dettaglio i principali elementi della proposta di budget per l’azione esterna:

  • Aumento del 30% dei finanziamenti, dai 94,5 miliardi di euro dell’attuale settennato ai 123 miliardi per il periodo 2021-2027,
  • Semplificazione delle procedure attraverso una riduzione del numero degli strumenti e l'inclusione del Fondo europeo di sviluppo nel bilancio UE,
  • Maggiore flessibilità nella struttura di bilancio per agevolare l’utilizzo e il riutilizzo di fondi non utilizzati su base pluriennale e per consentire una gestione più snella delle risorse in funzione delle specifiche emergenze e circostanze,
  • Maggiore trasparenza e controllo democratico nell’utilizzo dei fondi.

Bilancio UE post 2020 - fondi triplicati per migrazione e sicurezza frontiere

I nuovi strumenti per l'azione esterna

La Commissione ha poi proposto nuovi strumenti per l'azione esterna UE:

  • Lo Strumento di vicinato, sviluppo e cooperazione internazionale (Neighbourhood, Development and International Cooperation Instrument, NDICI). Con uno stanziamento di 89,2 miliardi di euro, lo strumento, ottimizzato rispetto a quello attuale, si baserà a sua volta su tre pilastri:
    - pilastro geografico, focalizzato sull’area del Vicinato e sull'Africa subsahariana e orientato a sfide globali, quali: sviluppo umano, parità di genere, cambiamenti climatici, tutela ambientale, migrazione e sicurezza alimentare,
    - pilastro tematico, che integrerà il pilastro geografico nel sostegno ai diritti umani e alla democrazia, alla società civile, alla stabilità e alla pace,
    - pilastro di reazione rapida per reagire alle crisi, fornire aiuto umanitario, prevenire i conflitti e promuovere la resilienza di Stati, società, comunità e singole persone.
  • Un nuovo Strumento europeo per la sicurezza nucleare da 300 milioni di euro.
  • Lo Strumento di assistenza preadesione (Instrument for Pre-Accession Assistance, IPA III), che con 14,5 miliardi di euro fornirà sostegno ai Paesi candidati (anche potenziali) all'adesione all'UE nel percorso di riforme verso gli standard UE.
  • Lo Strumento per gli aiuti umanitari da 11 miliardi di euro, che servirà all’UE per fornire assistenza in base alla necessità e alle specifiche emergenze.

Bilancio UE post 2020: aumentano i finanziamenti per la sicurezza

Le altre risorse per cooperazione, pace e sicurezza

Risorse pari a 3 miliardi di euro saranno poi destinate al bilancio per la politica estera e di sicurezza comune, volta a reagire alle crisi e ai conflitti esterni e a sviluppare le capacità dei paesi partner e proteggere l'UE e i suoi cittadini.

Il capitolo della cooperazione con i Paesi e territori d’oltremare usufruirà di 500 milioni di euro per il sostegno e il rafforzamento dei legami economici, politici e culturali.

I restanti 4,5 miliardi di euro sono suddivisi tra margine di bilancio (3,2 miliardi di euro) e da altre voci del budget, come le sovvenzioni, la valutazione e le misure di audit per l'assistenza macrofinanziaria, oltre alle attività connesse alle organizzazioni internazionali e alle agenzie decentrate.

La proposta della Commissione prevede anche un quadro per gli investimenti per l'azione esterna, con un rafforzamento fino a 60 miliardi di euro. Lo strumento è volto ad attirare risorse finanziarie per lo sviluppo sostenibile dal settore privato, aumentandone la leva.

L'Alto rappresentante dell'Unione per gli Affari esteri e la Politica di sicurezza Federica Mogherini ha infine proposto di istituire uno Strumento europeo per la pace da 10,5 miliardi di euro, con risorse esterne al bilancio dell'UE. Lo strumento è volto a finanziare azioni con implicazioni militari o di difesa, che non possono quindi essere finanziate dal bilancio UE.

> Consulta le proposte legislative della Commissione

Photo credit: © European Union , 2018 / Photo: Georges Boulougouris

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.